Una derattizzazione professionale a misura di azienda con Bioecologysrl

derattizzazione

La derattizzazione è una delle attività più importanti per ogni azienda alimentare e per l’haccp! Vediamo perchè.

La derattizzazione è una tipologia specifica di disinfestazione che conosce origini  e spinte antichissime. La natura infestante di topi e ratti intorno a fonti di cibo è un problema di grossa rilevanza. Causa di enormi danni economici ma anche di immagine, una mancata derattizzazione ha causato le più grandi epidemie della storia.

Evitare i danni significativi che questi roditori possono causare è una necessità per industrie alimentari, magazzini, produzione delle derrate e per l’allevamento. Con i tecnici giusti ovviamente.

L’importanza della derattizzazione

Topi e ratti sono pericolosi vettori per diverse attività umane e per la salute. Una mancata derattizzazione – o un opera di disinfestazione mediocre – può causare la perdita delle derrate alimentari o la trasmissione di numerose patologie. All’uomo ma anche ad animali domestici e da allevamento (es. suini, avicoli). Le loro tane possono provocare smottamenti, inondazioni, cedimento del terreno. L’instancabile attività di ratti e topi, inoltre,  sporca l’ambiente e può causare corto circuiti, fughe di gas, interruzione di collegamenti e quindi incendi, esplosioni, blocco delle comunicazioni. E tanti saluti all’haccp dell’azienda e all’ok degli operatori sanitari.

La derattizzazione comincia dal monitoraggio degli infestanti

Il monitoraggio degli infestanti è una delle attività più importanti – e sottovalutate – nel campo del pest control. Non a caso, non esiste un corretto manuale haccp senza una appropriata cura e analisi degli infestanti. Queste operazioni risultano significative proprio perchè periodiche. Capaci di evidenziare una infestazione nascente o già sviluppata. L’importanza di un intervento tempestivo previene proprio qualsiasi magagna risultante. Il settore alimentare è per queste ragioni profondamente legato alla derattizzazione.

Una derattizzazione e monitoraggio appropriati servono dunque a mitigare il grande pericolo che questi piccoli mammiferi possono rappresentare. Per l’azienda e la produzione stessa. Le loro dimensioni ridotte non sono infatti da sottovalutare: la diminuzione dei predatori naturali e la loro grande capacità di adattamento hanno reso nel tempo i roditori una delle razze più resilienti e diffuse in ambienti urbani e produttivi professionali.

Proprio la presenza diffusa dei roditori in campagna e in città è diventata un vero e proprio metro di misura. Topi e ratti sono infatti considerati indicatori biologici, alla stregua di muschi e  licheni. La loro presenza è considerata indice dello stato dell’ambiente in cui si trovano.

La giusta derattizzazione

Agire con una derattizzazione corretta ed efficace ha come scopo maggiore quello di eliminare eventuali microrganismi pericolosi, per l’uomo e per gli animali domestici, di cui essi sono portatori. Una volta identificata la presenza di escrementi, rosicchiamenti o impronte, la derattizzazione non potrà infatti essere più evitata.

Eliminare questi roditori, inoltre, significa salvaguardare il proprio patrimonio. I danni che essi possono arrecare a privati, aziende, collettività ed enti pubblici sono infatti enormi e difficili da contenere una volta diffusi.

Ma una corretta derattizzazione deve necessariamente passare dai giusti professionisti, in grado di risolvere il problema con competenza e rispetto dell’ambiente.

Contatta subito gli esperti della disinfestazione e richiedi un sopralluogo gratuito subito.

Per abbattere con efficacia il rischio di contaminazioni alimentari e sanitarie, esiste una sola derattizzazione efficace: il disinfestatore.

Se vuoi rispettare la natura senza però subirla ricorda sempre di rivolgerti al professionista giusto per la tua derattizzazione. 

https://www.bioecologysrl.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *